Eventi, Fantasy e Fantascienza

Conosciamo Victoria Schwab: Blog Tour Evil

Appuntamento speciale del fine settimana, cari Chiacchieroni. Come potete leggere dal titolo, oggi siamo qui per un nuovo evento tra blogger; il protagonista della settimana è Evil di Victoria Schwab, versione italiana del suo amato e attesissimo Vicious.

copertina evil

In questo Blog Tour, a me spetta il piacevole compito di parlarvi un po’ di Victoria Schwab, la penna e l’anima dietro Evil. Per farlo, ho spulciato un po’ i suoi social, le sue passate interviste e le sue chiacchierate con i fan, così da collezionare quattro piccole chicche che potreste esservi persi. Nei prossimi giorni, inoltre, arriverà anche una piccola sorpresa, quindi rimanete con noi, arriveranno delle belle.

Pronti? Iniziamo!

Quattro Curiosità su Victoria Schwab e su Evil

1) La nascita di Vicious (Evil)

Lo sapevate che Vicious, il nostro atteso Evil, è nato come esercizio di scrittura? In una recente intervista, la nostra Victoria ha infatti spiegato che un giorno, in cerca di ispirazione, si è chiesta cosa avrebbe voluto leggere in quel preciso momento. La risposta che si è data è stata: una storia di Cattivi. E così è nato il seme di Vicious, un libro che racconta le cose terribili che gli esseri umani sono in grado di compiere.

Incredibile, non trovate?

2) Il suo rapporto con la creatività

foto victoria schwab

A leggere uno dei suoi libri non si direbbe, eppure Victoria Schwab ha dichiarato di avere un rapporto conflittuale con la creatività. La nostra scrittrice, infatti, dice di essersi sempre sentita poco adatta a questo ruolo e che ha avuto bisogno di tempo per convincersi, anche grazie ai suoi lettori, che i suoi scritti avevano un valore. Una delle cose che le danno forza, oggi, è proprio il sapere che qualcuno, là fuori, amerà quello che scrive indipendentemente da quanto lei si senta giù in quel preciso momento. Un’idea meravigliosa, che non ci fa che venire ancora più voglia di trasmetterle tutto il nostro affetto dopo la lettura dei suoi scritti!

3) Il suo sogno

Il sogno di Victoria Schwab ormai sembra chiaro: scrivere altre perle come Evil o la saga The Darker Shade. E infatti, chiacchierando con alcuni fan sui social, ha detto che il suo sogno sarebbe quello di vivere in una fattoria nel nord della Scozia ed essere, semplicemente, una persona che sogna. E che riversa i suoi sogni sulle pagine.

4) La verità dietro i suoi scritti

Durante un’intervista alla Barnes&Noble, alla fatidica domanda “qual è la verità che ti piacerebbe venisse alla luce con i tuoi scritti?” Victoria ha dato una risposta davvero particolare. Ha detto infatti che non inizia mai la stesura dei suoi fantasy con una verità in mente. Lascia che questa emerga lungo il cammino, in modo del tutto spontaneo. La cosa che le piace pensare, però, è che i suoi romanzi insegnino ai lettori che la vita non ci mette in una strada determinata, ma che siamo noi a scegliere, con le nostre azioni, quale sarà il nostro destino.

Una visione che, personalmente, apprezzo moltissimo.

E questo è tutto, miei cari lettori, almeno per il momento. Nei prossimi giorni, infatti, vi sveleremo la nostra piccola sorpresa, ma nel frattempo continuate a seguire il Blog Tour dedicato a Evil sui blog delle altre partecipanti. Scoprirete molti altri dettagli sul libro e su Victoria Schwab.

Trovate tutte le tappe riassunte qui sotto. Noi ci leggiamo sicuramente il 4 con la tappa del Review Party (che non è la nostra sorpresa, quella arriverà a brevissimo).

Buona lettura!

elenco blog partecipanti
Denise on FacebookDenise on InstagramDenise on LinkedinDenise on Wordpress
Denise
Denise, aka Ielenia, la componente fantasy di Chiacchiere Letterarie.
Classe 1993, studentessa di chimica, amante dei giochi di ruolo, delle storie immersive e coinvolgenti e di tutto ciò che concerne la scrittura, dalla creazione di nuovi mondi fantastici all'affascinante universo della calligrafia e dell’hand-lettering.
Appassionata di arte in ogni sua forma e lettrice pressoché onnivora, affido i miei sogni alle pagine virtuali di Wattpad, oltre che ovviamente al sicuro rifugio offerto da questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *