Fantasy e Fantascienza, Fumetti, Recensioni

Recensione Shades of magic. Il principe d’acciaio #1 di Victoria Schwab e A. Olimpieri

È sempre bello tornare in un’ambientazione che si ama. È un po’ come far visita a un conoscente dopo mesi che non ci si vede, riprendere i contatti e ritrovarsi cambiati ma forse sempre un po’ uguali. Con il primo volume di Shades of magic. Il principe d’acciaio, protagonista di questa recensione, è successo proprio questo. Ho ritrovato i fili che già conoscevo grazie a Magic, Legend, Dark, ma anche conosciuto un nuovo lato, un nuovo aspetto di Victoria Schwab e dell’universo delle quattro Londre.

A colpirmi di più di questo ritorno? Senza dubbio le illustrazioni di Andrea Olimpieri, uno sguardo nuovo, fresco e accattivante al mondo di Maxim Maresh e dei suoi coprotagonisti.

Copertina di Shades of Magic | Recensione Il principe d'acciaio
Recensione Shades of magic 1: Il principe d’acciaio

Trama

Victoria Schwab ci porta indietro, molti anni prima degli eventi di Magic; quando ancora Maxim Maresh era un giovane principe ereditario con la capacità di plasmare i metalli e un acuto desiderio di dimostrare il proprio valore. Ossessionato dalle altre Londre perdute e dalla possibilità di aiutarli, Maxim viene inviato dal padre nella lontana cittadina Verose.

Lo scopo è quello di forgiarne il carattere e attenuarne l’impulsività, ma la città portuale afflitta dalla corruzione dei pirati diventa l’occasione per il principe Maxim di lanciarsi in una nuova avventura. Iniziando a calcare i passi che un giorno lo porteranno ad essere chiamato Il principe d’acciaio.

Recensione Shades of magic. Il principe d’acciaio #1

Un ritorno, dunque, alla Londra rossa e a tutte le sue affascinanti sfumature. Anche se, a questo giro, la città dei Maresh è più che altro un incipit, il punto di partenza verso una nuova avventura. È infatti la città portuale di Verose a dominare la scena ne Il principe d’acciaio. In questo primo volume di quella che si prospetta un’interessante saga fumettistica, abbiamo finalmente occasione di sbirciare oltre. Oltre la ricchezza di Londra e dei suoi abitanti, oltre la legge e la disciplina imposta dai regnanti.

Verose è l’occasione per Victoria Schwab di approfondire il lato più oscuro e proibito degli Shades of magic. La magia delle ossa, il controllo dei altri corpi, la tirannia della forza e della brutalità. Il principe Maresh viene catapultato in una realtà nella quale i sigilli e gli stemmi contano molto poco. Soprattutto quando a capo di tutto c’è una Regina Pirata spietata e quasi invincibile.

Tavola Il principe d'acciaio
Una tavola dal fumetto | Recensione Il principe d’acciaio

Una storia al suo avvio

Questo primo volume è, a tutti gli effetti, un incipit. Ha lo scopo di introdurci una nuova ambientazione e dei nuovi (o quasi) personaggi, ma come spesso capita per le introduzioni ha in sé poca potenza narrativa. Molto rapido, forse troppo, ci permette a malapena di prendere confidenza con la storia prima di lasciarci in sospeso con un gran numero di domande e fin troppo poche risposte.

Il principe Maresh stesso, protagonista indiscusso di queste pagine, per il momento resta una figura sbiadita, quasi del tutto offuscata dalla Regina Pirata e da sua nipote, entrambe veri e propri motori della storia. Nel lettore nasce dunque l’esigenza, più che la voglia, di averne ancora.

La forza delle illustrazioni

A dominare la scena de Il principe d’acciaio sono però senz’altro le illustrazioni. Se la storia è infatti a tratti fin troppo frettolosa, le tavole di Andrea Olimpieri le danno misura e intensità, scandendo il ritmo e aggiungendo fascino alla narrazione.

Piene, sature e intriganti, danno corpo alla città di Verose e ai suoi molteplici attori, tenendo il lettore avvinghiato alla storia anche quando la rapidità gli farebbe perdere dei dettagli. Belle anche le copertine alternative presenti all’inizio e all’interno del volume. Gli omaggi dei numerosi autori che hanno scelto di supportare questa serie a fumetti ci danno modo di vedere Maxim, Isra e gli altri interpretati in modi diversi, rivelando sfumature delle loro personalità che ne arricchiscono i caratteri.

Un primo volume interessante

Il primo volume di Shades of magic è dunque un avvio discreto, non impeccabile ma comunque abbastanza accattivante da spingere il lettore a volerne di più. Ora non resta che attendere che la Oscar Vault porti in Italia anche gli altri due volumi, usciti in lingua originale con i titoli:

divisore

Come sempre, a fine lettura i miei ringraziamenti vanno alla Oscar Vault, che ci ha omaggiate di un volume di Shades of Magic. Il principe d’acciaio per scrivere questa recensione. Nonché a Roberta del blog Il colore dei libri che ha organizzato questo nuovo evento tra blogger.

Qui sotto trovate riassunte tutti i blog che partecipano all’evento.

Recensione Shades of Magic. Il principe d'acciaio
Recensione Shades of magic. Il principe d’acciaio
Denise on FacebookDenise on InstagramDenise on LinkedinDenise on Wordpress
Denise
Denise, aka Ielenia, la componente fantasy di Chiacchiere Letterarie.
Classe 1993, studentessa di chimica, amante dei giochi di ruolo, delle storie immersive e coinvolgenti e di tutto ciò che concerne la scrittura, dalla creazione di nuovi mondi fantastici all'affascinante universo della calligrafia e dell’hand-lettering.
Appassionata di arte in ogni sua forma e lettrice pressoché onnivora, affido i miei sogni alle pagine virtuali di Wattpad, oltre che ovviamente al sicuro rifugio offerto da questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *