Recensioni

Recensione: "The 100" di Morgan Kass

Casa Editrice: Rizzoli
Costo: € 16,90
Dove acquistarlo: IBS

Le premesse avevano scatenato in me un hype non indifferente. Ho conosciuto l'esistenza di questa serie grazie a Netflix, ma prima di guardare il telefilm volevo leggere il libro e visto che su Kobo costava solo 1,99 € ne ho approfittato.
In un futuro post apocalittico, dopo un inverno nucleare, la razza umana si è rifugiata in alcune basi spaziali aspettando che la terra torni abitabile. Dopo qualche secolo sulla terra vengono mandati 100 ragazzi "delinquenti" che hanno questo viaggio come possibilità di riscatto e fuga da morte certa.

Insomma, per quello che mi riguarda c'erano veramente tantissimi elementi che potevano far diventare questo libro un grande YA, peccato però che l'autrice non abbia avuto nessuna intenzione di applicarsi nella realizzazione del romanzo.

Il romanzo ha quattro protagonisti che si alternano, Clarke, Wells, Bellamy e Glass. Il racconto procede temporalmente al cambiare dei personaggi, quindi non abbiamo la visione di uno stesso evento da più punti di vista, ma solo quello che succede dopo, inoltre ogni volta la narrazione è spezzata da flashback.
Non mi dispiace il fatto che siano presi in considerazione più personaggi e neanche i flascback, ma credo che la scrittrice non sia riuscita a gestire questa moltitudine di personaggi, pensieri e stili differenti e alla fine abbia creato solo un'estrema confusione nella trama.

A questo si aggiunge il fatto che l'ambientazione è completamente paradossale e poco coerente, ci viene narrato che esiste un solo albero, per sulla navicella esiste la frutta, com'è possibile? Ci viene detto che manca l'ossigeno ma hanno vissuto sulle navicelle per generazioni, come hanno fatto ad avere tutte quelle scorte? E visto che erano (presumo perché non viene spiegato) personaggi abbastanza intelligenti quelli che sono saliti sulla base spaziale, perché non hanno pensato di portare delle alghe per poter rinnovare l'ossigeno? E perché dovrebbero esistere delle divisioni di classe tanto nette tra la navicella centrale e le altre? Per non parlare del fatto che quando viene staccato l'ossigeno nelle basi più esterne rimangono liberi e aperti i condotti di areazione! Insomma, un'infinità di buchi nella trama e cose messe a caso giusto per poter continuare con quello che ho capito troppo tardi essere il fulcro del romanzo, le storie d'amore.
In 300 pagine di libro incontriamo ben due triangoli amorosi ed una quantità spropositata di segreti da far invidia a Pretty Little Liars, solo che almeno in quel caso sai dall'inizio che la storia si basa sulle bugie! Comunque anche la formazione di questi triangoli è fin troppo forzata oltre che tremendamente banale. Migliore amico da una parte e personalità opposte dall'altra, cliché che speravo di non ritrovare più negli YA, ma probabilmente ero riuscita a scansarli per troppo tempo, quindi era normale che dovessi beccarmene due in un colpo solo!

In tutto questo i personaggi, forse a causa dello stile in terza persona per una moltitudine di personaggi mal gestita, rimangono completamente anonimi, non sono riuscita ad immedesimarmi con nessuno di loro, appena la storia iniziava ad ingranare si cambiava soggetto, contate che ci sono più di trenta capitoli, quindi ad ogni persona contavano un massimo di una decina di pagine per volta.

In conclusione, una delusione cocente. Non ho trovato dentro queste pagine assolutamente niente di ciò che mi aspettavo e tutto di ciò che non volevo trovarci. Ora proverò a guardare la serie tv, dalla prima puntata sembrava decisamente migliore visto che è praticamente tutto diverso tranne l'idea di base di far tornare sulla terra i 100 ragazzi delinquenti. Cercherò di guardarlo senza pensare assolutamente al romanzo visto che l'unico personaggio che mi piaceva l'hanno reso un personaggio negativo!

Trama:
Sono secoli che gli uomini vivono nello spazio senza tornare sulla Terra. In seguito a una devastante guerra atomica i sopravvissuti si sono imbarcati su tre navi spaziali e i loro discendenti sono ancora chiusi lì dentro. Tuttavia pare giunto il momento di andare in ricognizione. A essere spediti sulla Terra per capire se sia di nuovo vivibile sono in cento: ragazzi considerati delinquenti dal regime poliziesco che vige sotto la guida del Cancelliere. Alle prese con una natura magnifica e selvaggia e tormentati dai segreti che si annidano nel loro passato, i 100 sulla Terra devono lottare per sopravvivere. Non sono eroi, ma potrebbero essere l'unica speranza rimasta al genere umano.

Valentina on FacebookValentina on InstagramValentina on Wordpress
Valentina
Lettrice onnivora, educatrice, mamma.
Dei libri amo la capacità di mostrare la complessità del mondo che ci circonda, forse per questo tra i miei generi preferiti rientrano fantascienza, fantapolitica, fiabe tradizionali e saggistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.