Recensioni

Recommendation Monday:Consiglia un libro da bibliofili


Recommendation Monday
Consiglia un libro da bibliofili

Cari Chiacchieroni, vi propongo questa rubrica settimanale che ho scoperto sul blog di Una Fragola al Giorno.

Come funziona?
Ogni lunedì vi proporrò il titolo di un libro che rientri in una delle categorie prescelte dalla rubrica. Se poi volete lasciarmi i vostri commenti qui sotto con le vostre proposte sarò felicissima di leggerle 🙂

La Categoria di questo lunedì è: Consiglia un libro da bibliofili

Lo so, sono due settimane che salto questa rubrica, probabilmente molti di voi avranno pensato ad un abbandono definitivo; in realtà l'università, tra esami e laboratori, mi ha assorbita talmente tanto che mi è proprio sfuggita di mente: arrivavo alla domenica talmente stremata da non avere neanche la forza di ricordarmene.
Purtroppo non posso recuperare le settimane passate, altrimenti perderei la sincronizzazione con il blog Una Fragola al Giorno, quindi riprenderò da oggi a ritmo (spero) regolare con le nuove proposte:
Come avrete letto dal titolo la categoria di questo lunedì è: Consiglia un libro da bibliofili. Questo tema mi ha un po' messa in crisi, non tanto per il titolo del libro in se', ma piuttosto per l'interpretazione della definizione; cosa s'intende per “Libro da Bibliofili”? Un bibliofilo è un amante dei libri sostanzialmente, quindi si può interpretare la categoria sia come un libro che parla di amanti di libri, sia come un libro che ogni bibliofilo dovrebbe avere nella sua libreria. Dopo lungo rimuginare, ho optato per una modifica della seconda opzione: non vi parlerò infatti di un libro che ogni bibliofilo dovrebbe avere, perché a mio parere un tale libro non esiste e non è nemmeno corretto supporre che possa esistere, in quanto ogni lettore ha il suo universo letterario personale non schematizzabile; vi parlerò invece di quel titolo che occupa con fierezza il suo spazietto della mia libreria, quel titolo che se malauguratamente perdessi o distruggessi, ricomprerei cento volte.
Per me questo libro è Orgoglio e Pregiudizio.
Ho scelto proprio lui perché da quando di recente le nostre strade si sono incrociate, è diventato parte integrante di me: è il mio segreto per uscire dal blocco del lettore, la mia chiave di fuga dalla depressione o dalla malinconia; è il libro che riprendo in mano quando ho bisogno e voglia di rinfrescare quei sentimenti che ho interiorizzato così bene: quell'idea dell'amore, quell'idea del coraggio di mostrare se' stessi agli altri, di non accontentarsi del poco a poco prezzo ma di lottare per i propri sogni. È una proposta che moltissimi potrebbero trovare banale, ma è parte del mio universo di lettrice, di bibliofila, e mi fa piacere condividerlo con voi. Magari tra voi bibliofili ce ne sono tanti altri che come me hanno scelto Orgoglio e Pregiudizio come compagno letterario di vita. 🙂

Se così non fosse, nessun problema, ogni libro ha il diritto di diventare parte importante della vita di un lettore e ogni lettore ha il diritto di scegliere come compagno uno di questi libri.
Qual'è il vostro “compagno letterario”? Quale libro avreste proposto per questa categoria? Fatemi sapere qui sotto nei commenti la vostra scelta e se avete un blog anche voi e volete partecipare a questa rubrica, lasciatemi il vostro link qui sotto, verrò volentieri a leggere le vostre risposte. 😀

Denise on FacebookDenise on InstagramDenise on Linkedin
Denise
Femminista, appassionata di lettura e scrittura, è cresciuta con un libro in mano e la testa immersa nelle storie. Studia Informatica Umanistica presso l’Università di Pisa e lavora come segretaria alla Casa della Donna. Nel tempo libero, impara a creare nuove storie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.