Recensioni

“La Bambina senza cuore” di Emanuela Valentini

“La bambina senza cuore”di Emanuela Valentini

Casa Editrice: Speechless Books che fa riferimento a Speechless Magazine
Costo: € 0.00
Download: La bambina senza cuore
Lingua Originale: Italiano


Trama:
Whisperwood, 1890. Lola, dodici anni, si risveglia nella buca di neve in cui è stata sepolta. Non ricorda nulla. Sul suo petto una ferita aperta, testimone di un gesto efferato. Whisperwood, 1990. La vita di Nathan, quattordici anni, cambia la sera in cui decide di infrangere il coprifuoco che vige a Whisperwood. L’incontro con Lola, la pallida fanciulla che abita in un cimitero in rovina con un angelo di marmo, un gargoyle e un poeta dall’animo inquieto, sconvolgerà la sua esistenza per sempre. Un viaggio a ritroso nelle pieghe del tempo. Un’antica maledizione. Un tortuoso percorso verso la verità. Romanzo d’esordio della collana Speechless Books.

Recensione:
Non so neanche io come sono capitata sul sito di questo romanzo, il genere non è dei miei preferiti (o non era visto che gli ultimi libri che ho letto sono tutti su questo tema!) ma visto che era gratis e che la copertina mi piace tantissimo (si, perché per quanto sia una cosa stupida a me la copertina condiziona tantissimo nell'acquisto di un libro) ho deciso di provare a leggerlo.
Questo libro non rientra tra i più belli che abbia mai letto, ma nel complesso è risultato comunque abbastanza piacevole. La storia in sè è abbastanza prevedibile anche se ci sono state alcune rivelazioni abbastanza inaspettate, il finale in particolare l'ho trovato decisamente carico di emozioni e sono felice che sia finito così, senza improvvise redenzioni che avrebbero sicuramente messo zucchero ma tolto la linearità dei personaggi, ero indecisa se dare sette stelle solo per il finale, ma alla fine, come sempre, preferisco dare il voto per tutto il romanzo e non solo per la parte che mi ha colpito di più.
Anche per merito del finale mi è piaciuta molto la caratterizzazione dei personaggi, in particolare Maud e Willliam, li ho trovati molto realistici e questo mi ha colpito molto. In generale tutti hanno mantenuto i loro ruoli e questo ha dato alla “fiaba” una buona stabilità, preferisco personaggi più prevedibili ma che tengano fede alla loro natura, piuttosto che cambiamenti repentini solo per dare uno scossone alla trama. Inoltre la linearità dei personaggi ha resto la storia decisamente verosimile (ovviamente sorvolando il lato soprannaturale!).
La scrittura era abbastanza scorrevole, anche se in alcuni punti un po' troppo confusionaria, ho anche pensato potesse essere colpa del supporto digitale, ma se anche fosse, un libro progettato per essere letto in digiale non dovrebbe avere queste pecche. Inoltre le descrizioni, nonostante in alcuni casi fossero molto belle in troppi altri risultavano pesanti e ridondanti, facendo rallentare una lettura che altrimenti sarebbe risultata molto scorrevole.
In compenso direi che vale la pena leggerlo. Se non si hanno troppe pretese e piacciono i libri da “relax” con cui liberare la mente questo è sicuramente un libro adatto.
Tra l'altro sono curiosa di prendere uno degli ultimi lavori di Emanuela, per vedere com'è oggi la sua scrittura visto che questo libro è uscito qualche anno fa e come romanzo d'esordio non è male.

In finale vorrei rimandarvi al sito di Speechless Magazine, nonostante sembri abbandonato da un po' (gli ultimi post mi sembrano del 2013), sono disponibili altri libri digitali gratuiti nellsa sezione Pubblicazioni, magari qualche titolo vi può interessare 😉 Io penso li scaricherò tutti e dopo letti ne farò le recensioni. È un vero peccato aver scoperto questo progetto solo ora!

P.s. È la prima recensione che faccio con l'aggiunta delle stelline, stavo pensando di fare una tabella (trama, scrittura, personaggi, etc.) ma vedrò più avanti come sistemarla, cosa ne pensate?

Valentina on FacebookValentina on InstagramValentina on Wordpress
Valentina
Lettrice onnivora, educatrice, mamma.
Dei libri amo la capacità di mostrare la complessità del mondo che ci circonda, forse per questo tra i miei generi preferiti rientrano fantascienza, fantapolitica, fiabe tradizionali e saggistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.