Recensioni

La gatta che venne in casa

Questa fiaba è tratta dal libro “Le mie fiabe africane” di Nelson Mandela
Numerose sono le storie che spiegano come furono addomesticati i cani, ma questa che proviene dagli Shona dello Zimbawe, raccolta in origine dal musicologo e folclorista Hug Tracey nella lingua karanga, spiega come i gatti divennero abitanti delle dimore degli uomini

C'era una volta una gatta, selvatica, che viveva tutta sola nella boscaglia. Dopo qualche tempo si stufò di stare sola e si trovò un marito, un altro gatto selvatico che a lei pareva la creatura più deliziosa di tutta la giungla.
Un giorno, mentre andavano a zonzo lungo il sentiero tra l'erba alta, swish, spuntò fuori Leopardo, e il marito di Gatta venne spazzato via, pelo, zampe e tutto il resto, a terra nella polvere.
“Oh, oh!” Disse Gatta. “A quanto pare mio marito è finito nella polvere e non è la creatura più deliziosa di tutta la giungla. Leopardo invece si che lo è.” E così gatta andò a vivere con Leopardo.
Vissero insieme molto felicemente finché un giorno, mentre erano a caccia nella boscaglia, all'improvviso – uush – con un balzo Leone piombò dritto addosso a Leopardo e se lo divorò.
“Oh, oh, oh!” Disse Gatta. “A quanto pare Leopardo non è la creatura più deliziosa di tutta la giungla. Leone si che lo è.”
E così Gatta andò a vivere con Leone.
Vissero insieme molto felicemente finché un giorno, mentre girovagavano nella foresta, una sagoma enorme comparve minacciosa sulle loro teste e – fuciù – Elefante posò una zampa sulla testa di Leone e lo schiacciò al suolo.
“Oh, oh, oh, oh!” disse Gatta “A quanto pare Leone non è la creatura più deliziosa di tutta la giungla. Elefante si che lo è.”
E così Gatta andò a vivere con Elefante. Si arrampicò sulla sua groppa e si accomodò a fare le fusa sul suo collo, giusto in mezzo alle orecchie.
Vissero insieme molo felicemente finché un giorno, mentre passavano tra le canne alte in direzione del fiume –pum-pum! – ci fu una forte esplosione, ed Elefante si schiantò a terra.
Gatta si guardò attorno e tutto ciò che riuscì a vedere fu un omino con un fucile.
“Oh, oh, oh, oh, oh!” disse Gatta.. “A quanto pare Elefante non è la creatura più deliziosa di tutta la giungla. Uomo invece si che lo è.”
E così Gatta seguì Uomo fino alla sua casa, e saltò sul tetto di paglia della capanna.
“Finalmente,” disse Gatta “ho trovato la creatura più deliziosa di tutta la giungla.”
Gatta visse tutta felice sulla paglia sul tetto e cominciò a dare la caccia ai topi e ai ratti che vivevano nel villaggio. Finché un giorno, mentre se ne stava sul tetto a scaldarsi al sole, sentì un rumore provenire dall'interno della capanna. Le voci di Uomo e di sua moglie si fecero sempre più alte finché – wara-wara-wara…yo-we! – Uomo uscì, e ruzzolò a terra nella polvere.
“Ah, ah!” disse Gatta. “Ora si che so chi è la creatura più deliziosa di tutta la giungla. È Donna.”
Gatta scese giù dalla paglia, entrò nella capanna, e si sedette accanto al fuoco.
E da allora è rimasta lì per sempre.

Valentina on FacebookValentina on InstagramValentina on Wordpress
Valentina
Lettrice onnivora, educatrice, mamma.
Dei libri amo la capacità di mostrare la complessità del mondo che ci circonda, forse per questo tra i miei generi preferiti rientrano fantascienza, fantapolitica, fiabe tradizionali e saggistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.